Kahalu’u Beach Park

Kahalu’u Beach Park
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

 

Bagnino: No
Toilette: No
Doccia: No
Picnic: No

 

Il Kahalu'u Beach Park è la meta ideale per gli appassionati dello snorkeling e delle immersioni. Questo luogo vanta però anche una storia molto antica: l'intera area fu difatti abitata per circa 500 anni e divenne, tra il XVIII e il XIX secolo, residenza di una famiglia reale. Pare, infatti, che il sovrano Kamehameha desiderasse una spiaggia poco visibile e sicura, dove trascorrere momenti felici con la propria famiglia. Venne così costruita una diga marina a protezione della baia che, ancora oggi, richiama i surfisti di tutto il mondo. Le zone circostanti entrarono a far parte del Registro Nazionale dei Luoghi Storici nel 1974, mentre la parte più meridionale divenne la sede del Kahalu'u Beach Park nel 1953. Quest'ultimo dispone di diverse aree attrezzate comprensive di punti ristoro, tavoli da picnic, docce, servizi igienici e un complesso al coperto dove trovare refrigerio nelle ore più calde della giornata. Vi sono, inoltre, diversi servizi dedicati per il noleggio delle attrezzature da snorkeling; completa l'offerta l'assistenza di primo ordine.

 

Cosa fare alla Kahalu’u Beach Park

 

L'area è perfetta per gli amanti dello snorkeling: potete, infatti, ammirare la barriera corallina, i delfini e i meravigliosi pesci tropicali che popolano le acque. Queste ultime sono più fredde e torbide in prossimità della riva, mentre spostandosi a largo diventano più calde e limpide. Le immersioni sono destinate a nuotatori esperti, ma anche a tutti coloro che sono alla prima esperienza perché non sono segnalati moti ondosi rilevanti (prestate, però, attenzione nel corso delle tempeste o quando l'oceano si gonfia e si sposta verso l'interno). La baia è, difatti, circondata da una parete rocciosa sommersa e proprio in virtù della sua presenza le acque sono più calme e basse. Nulla vi vieta, se siete più esperti, di avvicinarvi alla diga marina, dove potete scorgere le tartarughe marine verdi (honu) e i pesci farfalla; ricordate che l'ingresso in acqua può avvenire in corrispondenza di punti diversi, ma i migliori rimangono sempre quelli in prossimità delle aree sabbiose (in caso di dubbi o perplessità rivolgetevi al bagnino o chiedete informazioni alla popolazione locale). Le immersioni vi regalano uno spettacolo da sogno: la luce del sole illumina i fondali dove crescono meravigliosi coralli sani e alghe, ma potete anche osservare rocce laviche e macchie di sabbia. Questi luoghi richiamano ogni anno gli amanti degli sport acquatici, ma sono molto apprezzati anche da tutti coloro che desiderano andare alla scoperta di terre sconosciute. A nord della baia potete visitare la piccola chiesa di St Peter, un edificio caratteristico con il tetto in lamiera blu; spostandovi in direzione opposta trovate, invece, l'obelisco innalzato in memoria di Captain Cook. La tappa successiva è la St Benedict's Catholic Church, meglio nota come la chiesa dipinta. La struttura, che in un primo tempo sorgeva nei pressi di Kealakekua, ha trovato la sua collocazione attuale intorno al XX secolo. Non potete, inoltre, mancare di visitare il suo interno dove sono custoditi i dipinti di un sacerdote belga (Padre John Berchmans Velghe). Sul soffitto a volta è impresso il cielo hawaino, dove si stagliano le foglie delle palme che costituiscono le parti terminali delle colonne. Se osservate molto attentamente le piante, potete notare un particolare molto curioso: i rami verdi sono rivolti verso l'altare, mentre quelli secchi puntano alla porta d'ingresso. Proseguite, quindi, lungo la strada e raggiungete il Puuhonua o Honaunau National Historical Park, una sorta di città rifugio. Questi luoghi, secondo la tradizione, accoglievano tutti coloro che violavano le leggi in materia di spirito, salvaguardia dell'ambiente e ordine sociale. I guerrieri sconfitti prendevano, quindi, parte alle cerimonie di espiazione e al termine di queste erano liberi di tornare alla loro vita sani e salvi. Questo puuhonua è stato fondato, in particolare, intorno al 1200 dal re Ehu Kamalino. Concedetevi, inoltre, un breve tour nei punti più suggestivi che comprendono le effigi delle divinità e il Tempio. Non potete, infine, non immortalare in uno scatto la caratteristica conformazione della costa, dove si alternano tratti di sabbia bianca e zone coperte da lava nera.

 

Come raggiungere la Kahalu’u Beach Park

 

Kahalu'u Beach Park giace sulla costa occidentale della Grande Isola delle Hawaii e si trova poco più a sud di Kailua-Kona; potete raggiungere facilmente il sito percorrendo la Ali'i Drive. I mezzi pubblici che coprono la tratta sono limitati e per questo motivo vi suggeriamo di noleggiare un automobile o spostarvi in taxi. Potete lasciare l'auto nel parcheggio presente in zona, ma fate attenzione perchè i posti si esauriscono molto rapidamente (il posteggio apre alle ore 7.00 e chiude alle ore 23.00). Mettetevi, quindi, in viaggio al mattino presto in modo tale da trovare un piccolo fazzoletto di spiaggia libera in riva al mare. L'atmosfera è molto accogliente e la popolazione locale, assai estroversa, è sempre pronta a dialogare con i turisti. Il complesso è aperto tutti i giorni e l'ingresso è gratuito. Ricordatevi, infine, di prestare sempre molta attenzione allo stato in cui versano le acque perché le stesse sono soggette a mutamenti estremi nell'arco di poco tempo. Le maree e i risucchi sono, difatti, due fenomeni molto pericolosi nel corso dei quali possono affiorare in modo improvviso rocce laviche frastagliate. Il servizio di sorveglianza è presente in loco, ma non dovete comunque abbassare la guardia. Il suggerimento è, perciò, quello di seguire queste semplici regole:

  • Osservate le acque dell'oceano e il loro movimento per almeno 20 minuti.
  • Praticate qualsiasi tipo di sport acquatico in gruppo e mai da soli. I minori devono, inoltre, essere sempre accompagnati dagli adulti;
  • Evitate le immersioni in acqua se si riscontrano forti correnti;
  • Fate attenzione a eventuali segnali presenti sulla spiaggia;
  • Non date mai le spalle all'oceano;
  • Non lasciate la baia perché le correnti al di fuori di essa possono diventare molto forti.

 

Aggiunto ai tuoi preferiti
Tolto dai tuoi preferiti